PERCHÉ MARGHERITA TAUFER È STATA CACCIATA DALLA PROCURA DI VERONA?

alfano_tosi

PERCHÉ MARGHERITA TAUFER È STATA CACCIATA DALLA PROCURA DI VERONA? Oggi abbiamo depositato in parlamento un’interrogazione sul caso. ALFANO RISPONDI!
 
CI CHIEDIAMO PERCHÉ una poliziotta che aveva contribuito in maniera determinante alle indagini sull’ex vicesindaco di Verona Vito Giacino (Forza Italia) ai tempi della giunta di Flavio Tosi (quello che oggi tenta di candidarsi a sindaco di Roma), prima arrestato poi condannato per tangenti nell’edilizia, sia stata spedita a passar carte alla Polizia di Frontiera Aerea.
 
CI CHIEDIAMO PERCHÉ una poliziotta che ha avuto il coraggio di portare alla sbarra i suoi stessi colleghi, accusati di aver ridotto in fin di vita nel 2005 a Verona il tifoso del Brescia Paolo Scaroni, sia stata rimossa dal suo incarico.
 
CHIEDIAMO PERCHÉ una poliziotta alla quale si riconosce di aver condotto negli ultimi dodici anni le più importanti indagini sulla corruzione a Verona, non è più oggi responsabile della Polizia Giudiziaria in forza alla Procura.
 
A queste domande il Ministro Alfano dovrà fornire una risposta. 
Fortunatamente altri, in questa torbida vicenda, hanno già dato segnali importanti.
 
Come i sostituti procuratori, ad esempio, insorti contro la decisione del procuratore capo di Verona, Mario Giulio Schinaia, di sollevare la poliziotta dal suo incarico: «Andrà a rendere monca l’attività degli inquirenti in materia di reati contro la pubblica amministrazione», hanno scritto in una lettera.
 
C’è da dire che la decisione di Schinaia era arrivata in seguito ad una tempesta mediatica scatenata a mezzo stampa contro i poliziotti che avevano trascritto le intercettazioni nel caso Giacino, accusati di aver impiegato epiteti “poco lusinghieri” per indicare le persone intercettate. Ma la Commissione di disciplina della Corte d’Appello di Venezia li ha assolti tutti nel gennaio 2015: «I comportamenti degli investigatori coordinati dal sostituto commissario Taufer non erano illeciti».
 
Insomma il “danno d’immagine per la Polizia” denunciato anche dall’ex questore di Verona Danilo Gagliardi pare sia opera della stampa, non della poliziotta, che andrebbe invece reintegrata al più presto.  
 
Ma il segnale più importante è quello arrivato dal Tribunale Amministrativo Regionale (Tar) di Verona, che ha annullato il trasferimento dell’ufficiale Taufer rilevando – pensate un po’ – «macroscopiche carenze e illogicità». 
 
Ministro Alfano, ora tocca a te muoverti per capire cosa è successo e per ridare dignità all’ufficiale di Polizia Giudiziaria Margherita Taufer. RISPONDI!
 
Francesca Businarolo e Vito Crimi
Portavoce del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati e al Senato della Repubblica