Bolkestein: nelle Regioni a guida Lega, si ossequia la UE

A parole la Lega Nord strepita contro la Ue degli euro-burocrati e dice di difendere gli imprenditori del commercio ambulante. Ma nei fatti il Carroccio tradisce il tessuto delle micro-aziende del settore e si accuccia, prono, sullo zerbino dei poteri forti.

Parliamo naturalmente della direttiva Bolkestein per la vendita su aree pubbliche. I leghisti si stanno comportando in Veneto come il Partito democratico in Emilia. Il governatore Luca Zaia poteva emanare una direttiva per sospendere la norma europea fino alla fine del 2018, esattamente come deciso dal Milleproroghe in Parlamento. Invece nulla. Stessa storia in Lombardia e Liguria, le altre regioni nelle quali i leghisti governano in coalizione con il centrodestra.

Ma pure nei comuni la situazione è difficile per gli ambulanti che devono vedersela con i nuovi bandi. Senza dimenticare che a livello nazionale la Lega è firmataria dell’unica proposta di legge che chiede di andare avanti con le gare. Alla faccia delle solite promesse della domenica.

Siamo alle solite: parlano bene e razzolano male. Un problema che non riguarda solo le banche. Salvini urla in tv, ma i suoi sono sempre pronti ad omaggiare i tecnocrati di Bruxelles e il grande capitale internazionale.

Archivi

Ti piace questo articolo?

Condividi su facebook
Condividilo su Facebook
Condividi su twitter
Condividilo su Twitter

Lascia un commento