Emergenza giustizia, il carcere di Rovigo

CARCERE DI ROVIGO
Qui la mia Interrogazione http://aic.camera.it/aic/scheda.html?numero=4%2F10424&ramo=CAMERA&leg=17

Problemi e questioni sindacali, certo. Ma anche problemi strutturali che non ci dovrebbero – perlomeno in teoria – essere in un carcere appena aperto e di recente costruzione. Invece anche di questo si è parlato nel corso della manifestazione di protesta indetta dai sindacati di polizia penitenziaria e che ha visto anche un incontro in Prefettura, nella mattinata di lunedì 11 gennaio.http://www.rovigooggi.it/articolo/2016-01-11/disastro-nuovo-carcere-piove-dentro-topi-e-pavimenti-rovinati/#.VpZ5kRXhChe

Pochi, costretti agli straordinari, vista anche la vigilanza richiesta al nuovo carcere in attesa del trasferimento dei detenuti, senza riscaldamento, con la necessità di affrontare il freddo con l’ausilio di stufette elettriche. Le ragioni per protestare, insomma, la polizia penitenziaria ritiene di averle tutte, presenza di topi inclusa. Lo farà a partire da lunedì 11 gennaio. Ma non tutti potranno partecipare, dal momento che la sicurezza deve comunque essere garantita. http://www.rovigooggi.it/articolo/2016-01-10/troppo-pochi-per-protestare/#.VpZ3aRXhChe

– 26 milioni di euro spesi
– anni di ritardi
– topi, muri bucati, pavimenti gonfiati dall’acqua…
– problemi con le guardie carcerarie

DOVE SONO FINITI I SOLDI VISTO IL MATERIALE SCADENTE UTILIZZATO?

Ora il Provveditore del Triveneto inizia con le grandi pulizie dopo le proteste dei sindacati ma davvero bisogna sempre arrivare a queste situazioni???

“MARCIA DEI DIRITTI” A VICENZA

12346480_648747681935158_115299495081844680_n

La marcia dei diritti è una manifestazione a difesa dei diritti civili e della dignità di tutte le persone.

Ho partecipato insieme ad altri membri del M5S perché è importante e necessario superare i pregiudizi e COMBATTERE LE DISCRIMINAZIONI basate su sesso, razza, religione ed orientamento sessuale.

E’ stata un’altra occasione per dire NO all’omofobia. Alla vigilia di importanti decisioni Parlamentari in materia di diritti, noi del Movimento 5 Stelle confermiamo di essere a favore delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e voteremo SÌ al disegno di legge “Disciplina delle coppie di fatto e unioni civili”.

DEPOSITATA INTERROGAZIONE AL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA SUGLI OSPEDALI PSICHIATRICI GIUDIZIARI

12316580_645472072262719_639654541746793223_n

Con la legge cd. “svuotacarceri” è stata definita la chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari (OPG) e la contestuale attivazione delle REMS (residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza).

Ma ad oggi dei 6 OPG presenti sul territorio nazionale l’unico a essere stato chiuso è quello di Castiglione delle Stiviere (peraltro trasformato in REMS con un semplice cambio di targa), nessuno ha mai davvero chiuso i battenti. LE STRUTTURE FUORILEGGE SONO TUTTE OPERATIVE!

Sussiste inoltre un ulteriore problema, legato a coloro ai quali l’infermità psichica è sopraggiunta durante la detenzione, che sono stati dichiarati incompatibili con il regime carcerario, ma per i quali non è prevista l’assegnazione presso le REMS e che probabilmente saranno costretti a ritornare nelle strutture carcerarie.

Per questi motivi ho chiesto al Ministro della Giustiza di assumere iniziative per chiarire le modalità di trasferimento dei pazienti ancora detenuti negli OPG che si ritengono non dimissibili, al fine di garantire loro condizioni di vita dignitose all’interno delle strutture ospitanti.

DEPOSITATA INTERROGAZIONE SUL CARCERE DI VERONA

Il carcere «Montorio» di Verona rappresenta una realtà di dimensioni notevoli, ospitando circa 500 detenuti, che in questi anni ha registrato numerosi episodi incresciosi: basti pensare che dal 1o gennaio 2012 al 30 giugno 2015 si sono verificati 70 tentati suicidi di detenuti, sventati dalla polizia penitenziaria, oltre 600 episodi di autolesionismo, oltre 100 ferimenti e 650 colluttazioni.

Il personale dell’amministrazione penitenziaria è spesso costretto ad intervenire in situazioni che improvvisamente possono degenerare e portare a conseguenze drammatiche, privo però di qualsivoglia dispositivo di protezione individuale, mettendo a serio rischio la propria incolumità.

Per questi motivi ho depositato un’interrogazione parlamentare per chiedere ai Ministri della Giustizia e dell’Interno quali iniziative intendano porre in essere per impedire che si verifichino episodi analoghi, per garantire un incremento della sicurezza per gli agenti penitenziari e un miglioramento delle condizioni di servizio del personale e della modalità di gestione delle risorse organiche che appaiono insufficienti rispetto alla situazione emergenziale delle carceri italiane.

Qui trovate il link alla mia interrogazione parlamentare.

 

DEPOSITATA INTERROGAZIONE SUL NUOVO CARCERE DI ROVIGO, COSTATO 30 MILIONI E MAI APERTO

carcere rovigo

Il nuovo carcere di Rovigo è stato realizzato tra il 2010 ed il 2013 ed è una delle 40 (QUARANTA) strutture carcerarie realizzate in Italia e rimaste inutilizzate.

Tutti conosciamo la gravissima situazione delle carceri italiane. Il numero dei detenuti è aumentato notevolmente, creando SOVRAFFOLLAMENTO degli istituiti di pena e situazioni di estrema precarietà. Il risultato è stato un netto peggioramento della qualità della vita degli agenti di polizia penitenziaria e dei detenuti stessi, costretti a condividere spazi stretti e malsani (spesso in 6/8 a dividersi una cella), con evidenti ricadute negative sulla loro salute psico-fisica. Leggi tutto “DEPOSITATA INTERROGAZIONE SUL NUOVO CARCERE DI ROVIGO, COSTATO 30 MILIONI E MAI APERTO”

Difendiamo le intercettazioni e la libertà d’informazione

No Bavaglio

In questi giorni stiamo discutendo la riforma del codice di procedura penale ed il Governo pare voglia mettere una stretta alla pubblicazione delle intercettazioni.

Ci aveva provato già Silvio Berlusconi, ed oggi ci ri-prova il Partito Democratico di Renzi. Il progetto prevede che nelle ordinanze di custodia cautelare i magistrati non possano inserire intercettazioni che non abbiano rilevanza penale, che finiranno in un archivio riservato nella disponibilità di pochi. Ma la cosa grave è che si prevedono severe punizioni per imbavagliare i giornalisti che le pubblicano. Leggi tutto “Difendiamo le intercettazioni e la libertà d’informazione”

Legge sul Concordato Preventivo arriva in Parlamento

GRAZIE A TUTTI I CITTADINI CHE HANNO PARTECIPATO!

In questo video vi racconto alcune delle modifiche che ho apportato alla proposta di legge M5S, a mia prima firma, sul concordato preventivo grazie ai suggerimenti degli iscritti M5S. Finito questo iter, ho depositato la proposta di legge in Parlamento.

VICARI CHIARISCA IL SUO RUOLO NELL’ENNESIMO SCANDALO DI CORRUZIONE!

simona vicari

Il sottosegretario allo Sviluppo economico, Simona Vicari, deve chiarire il suo ruolo nella vicenda che ha portato all’arresto, fra gli altri, del sindaco di Ischia, Giuseppe Ferrandino. Dagli atti giudiziari, infatti, si evince un suo presunto interessamento a favore della Cpl Concordia, la cooperativa al centro dell’ultimo scandalo di corruzione.

In una email citata nel fascicolo d’indagine, infatti, il responsabile delle relazioni istituzionali della Cpl Concordia, rivolgendosi ai vertici della Coop modenese, citava il nominativo dell’attuale sottosegretario in quota Ncd allo Sviluppo economico e, secondo quanto sintetizzato dal giudice, si sarebbe impegnata con loro e su loro indicazione avrebbe fatto assegnare 140 milioni al completamento delle opere di metanizzazione, di cui beneficerà anche la Cpl.

Abbiamo quindi chiesto chiarimenti con un’interrogazione parlamentare al Ministro dello Sviluppo Economico in merito alla vicenda e al presunto condizionamento della decisione del Governo relativamente all’assegnazione dei 140 milioni di euro destinati alla metanizzazione del Sud Italia.

DEPOSITATA INTERROGAZIONE ‪M5S‬ PER CHIEDERE COMMISSIONE PER VALUTARE INFILTRAZIONI MAFIOSE A VERONA

alfano tosi

Dalila Nesci ed io abbiamo depositato un’interrogazione per portare all’attenzione del ministro dell’Interno Alfano quanto emerge dall’indagine «Kyterion» ed «Aemila», in cui il nome del sindaco di Verona, Flavio Tosi, compare pur non essendo indagato. Leggi tutto “DEPOSITATA INTERROGAZIONE ‪M5S‬ PER CHIEDERE COMMISSIONE PER VALUTARE INFILTRAZIONI MAFIOSE A VERONA”