Così il cambiamento climatico ferisce a morte i nostri mari

I nostri mari si stanno ammalando sempre più. E la colpa è anche del cambiamento climatico causato dalle emissioni di gas serra prodotte dalle attività umane. A confermarlo sono numerosi studi, tra cui quelli della Fondazione Imc. Scienziati da tutto il mondo hanno lanciato l’allarme ormai da tempo: gli ecosistemi marini sono soggetti a un crescente degrado causato dall’aumento delle temperature e della concentrazione di anidride carbonica.

Questo comporta serie conseguenze su flora e fauna, ma anche sulla vita delle comunità che vivono lungo le coste e, di riflesso, su tutti noi. Le temperature sempre più elevate dell’acqua, i bassi livelli di ossigeno disciolto, l’acidificazione oceanica e costiera, le inondazioni e gli eventi meteorologici estremi: tutti eventi ai quali si deve porre con urgenza un freno.

Negli Oceani si registra un incremento di temperatura media dell’acqua superficiale di circa 2 gradi nell’ultimo secolo. Siamo passati da 25 a 27°C: può sembrare un piccolo aumento ma per il Pianeta e i suoi ecosistemi è un vero e proprio sconvolgimento. Non a caso stiamo assistendo alla progressiva “meridionalizzazione” del mar Mediterraneo: in pratica, gli organismi marini cosiddetti “ad affinità subtropicale”, tipici delle coste meridionali del Mare Nostrum, hanno ampliato o spostato il proprio areale verso regioni più settentrionali, dove in precedenza a causa della temperatura troppo bassa erano assenti o molto rari. Per esempio, la “donzella pavonina”, il pesce più variopinto del Mediterraneo, fino ad un paio di decenni fa era diffusa solo nelle acque del bacino levantino e a sud, ora è comune anche nelle acque del Mar Ligure.

E se le specie del mediterraneo si “trasferiscono” più a Nord, nelle nostre acque assistiamo al fenomeno, sempre generato dal surriscaldamento, della “tropicalizzazione”, vale a dire l’arrivo di specie provenienti da zone tropicali, che un tempo erano estranee al nostro mare e sono causa di non pochi problemi. È il caso del pesce flauto, arrivato dal Mar Rosso attraverso il Canale di Suez a causa del riscaldamento delle acque. Questa è una delle tante specie definite “aliene” che come molte altre, una volta nel nostro mare sembra non aver trovato competitori e si alimenta facilmente di pesci “autoctoni” che non la riconoscono come un predatore.

Il combinato di tutti questi fattori può favorire l’attivazione di agenti patogeni e indebolire fortemente gli organismi marini, provocando nei casi più gravi eventi di mortalità massiva. Questo significa che il pescato è meno sicuro, meno ricco e meno abbondante: in poche parole, il nostro mare si impoverisce con tutte le conseguenze ecologiche, economiche e sociali del caso.

I cambiamenti climatici hanno un impatto sulla distribuzione, sulle abitudini migratorie e sulle dimensioni degli stock di molte specie di pesci. Alcune specie si spostano dalle acque costiere poco profonde e dalle aree semichiuse, dove le temperature aumenteranno più rapidamente, in acque più profonde e più fredde.  Certe specie presenti in mare aperto e negli oceani sono colpite in modo più drammatico.  Per sgombro, sardine e acciughe, ad esempio, le fluttuazioni indotte dal clima influenzano importanti processi biologici come il successo riproduttivo e le loro interazioni nella catena alimentare.

Un’altra conseguenza preoccupante dell’aumento di CO2 in atmosfera è la cosiddetta “acidificazione”: il pH medio delle acque superficiali dei mari è sceso da 8.21 a 8.10. Tra le conseguenze dirette di questi cambiamenti c’è la perdita o comunque la compromissione di habitat importanti, con la modifica delle catene alimentari basate su plancton e della distribuzione delle specie. L’acidificazione causa problemi di sviluppo delle larve e del plancton alla base delle catene alimentari, come avviene per le uova di tonno pinna gialla, la cui sopravvivenza è messa in forte pericolo dall’acidificazione.

L’equilibrio naturale del Pianeta è fragile e i cambiamenti repentini legati alle attività umane stanno determinando un’accelerazione delle temperature a livello globale. Gli ecosistemi marini e terrestri cambiano forse irreversibilmente e siamo in grado di prevedere solo in parte le conseguenze di questi cambiamenti. Per questo bisogna prendere coscienza dei rischi che stiamo correndo come specie, sensibilizzare i cittadini, determinare – come il Movimento 5 Stelle sta facendo con tutte le energie in Parlamento e nel Paese – nuove politiche e spingere la comunità internazionale a varare regole riconosciute da tutti come necessarie e improcrastinabili se vogliamo salvare la nostra specie salvando gli ecosistemi che ci hanno consentito fin qui di essere sulla Terra.

Archivi

Ti piace questo articolo?

Condividi su facebook
Condividilo su Facebook
Condividi su twitter
Condividilo su Twitter

Lascia un commento