La mia candidatura alle elezioni politiche del 4 marzo 2018 col M5S

Esperienze politiche e sindacali

A seguito delle elezioni politiche del 2013, sono stata eletta cittadina portavoce alla Camera dei deputati.

Durante la legislatura sono stata componente della commissione Giustizia e del comitato per la Legislazione.

Il 4 febbraio 2015 sono stata eletta vicecapogruppo del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati. Dal 12 maggio 2015 fino al 5 agosto 2015 sono stata capogruppo del Movimento 5 Stelle alla Camera dei deputati; inoltre per un breve periodo ho ricoperto il ruolo di presidente ad interim del gruppo del M5S alla Camera.

Il 2 luglio 2013 i miei colleghi mi hanno scelta come candidata alla vicepresidenza Camera, poi però il voto dell’aula ha visto prevalere il candidato di un altro partito.

Ho depositato oltre cento interrogazioni a mia prima firma, alcune rivolte al ministero dei trasporti e a quello dell’ambiente sul Tav, altre al ministero dell’ambiente riguardanti la discarica Ca’ Filissine di Pescantina, la discarica di Torretta, il collettore del Garda e l’inquinamento da Pfas, altre ancora al ministero della giustizia per la situazione delle carceri in Veneto (in particolare a Verona e a Rovigo) e sulla REMS di Nogara. Molte le interrogazioni su casi di whistleblowing.

Attraverso una mozione approvata alla Camera, riguardante le società partecipate, sono riuscita a impegnare il Governo ad introdurre l’obbligo di pubblicazione del curriculum e del certificato penale per i candidati. Il Governo Renzi non ha mantenuto questo impegno, lo faremo noi.

Il Curriculum da Attivista

Da portavoce in Parlamento ho collaborato costantemente con attivisti e portavoce del territorio, con associazioni e comitati. Ho presentato sette proposte di legge. La più importante è quella che prevede la tutela per i whistleblower, ovvero quanti, dipendenti d’azienda (pubblica e privata) segnalino episodi di corruzione all’interno dell’ambiente di lavoro. Di questa proposta sono stata anche la relatrice alla Camera dei deputati, il voto finale è stato il 15 novembre 2017: ora è la legge n. 179 del 30 novembre 2017, in vigore dal 29 dicembre 2017. Altre proposte di legge che ho depositato, sono quelle per la depenalizzazione del reato di diffamazione a mezzo stampa, con la previsione di sanzioni per chi intenta citazioni civili a scopo unicamente intimidatorio e per l’estensione dell’Oiv (Organismo di valutazione della performance) anche agli enti territoriali ed al servizio Sanitario nazionale, in modo da garantire un migliore sistema di valutazione della performance.

Ho monitorato attentamente la scalata di Save al Catullo, segnalando all’autorità anticorruzione tutte le anomalie. Sempre all’Anac ho segnalato la mancata applicazione della clausola di gratuità tra i membri del cda del Consorzio Funivia Monte Baldo-Malcesine. Lo stesso ente è stato oggetto di un esposto alla Corte dei Conti per danno erariale.

Tra le attività sul territorio, a livello di eventi informativi, anche informali, ha riscosso successo “Il parlamentare che ti serve”. Ho partecipato e sostenuto le campagne elettorali per il Parlamento europeo, per le regionali in Veneto, per le comunali di Verona ma anche degli altri comuni del Veneto, senza dimenticare i referendum che abbiamo sostenuto come M5S.

Sono presente nel Movimento 5 Stelle fin dalla sua fondazione. Nel 2011 ho partecipato attivamente alla promozione dei referendum per l’acqua pubblica. Nel veronese sono stata attiva nei comitati contro il consumo del suolo e mi sono battuta contro il progetto dell’inceneritore di Ca’ del Bue.

Il Curriculum

Il 5 marzo 2013 sono stata eletta cittadina portavoce, deputata della XVII legislatura della Repubblica Italiana nella circoscrizione VII Veneto 1 (province di Verona, Vicenza, Padova e Rovigo) per il Movimento 5 Stelle.

ESPERIENZA PROFESSIONALE

Sono stata iscritta nell’albo dei praticanti dell’Ordine degli Avvocati di Verona dal 28 settembre 2009 al 5 luglio 2014.

Sono stata iscritta nell’Albo speciale dei praticanti abilitati al patrocinio dal 15 novembre 2010 al 5 luglio 2014.

Dal 8 novembre 2010 al 1 novembre 2012 ho collaborato presso uno studio legale di Verona specializzato in diritto tributario, societario e fallimentare.

Dal 28 settembre 2009 al 06 novembre 2010 ho collaborato con uno studio legale specializzato nelle procedure esecutive.

Dal 16 febbraio 2009 al 25 settembre 2009 sono stata dipendente di una società di Pescantina (VR) con mansioni relative all’attività di istruttoria delle pratiche amministrative.

ISTRUZIONE E FORMAZIONE

Il 03 dicembre 2008 ho conseguito la Laurea Magistrale in Giurisprudenza presso la sede di Rovigo dell’Università degli Studi di Ferrara, discutendo la Tesi di Laurea dal titolo “Modelli monistici e dualistici di giustizia amministrativa”.

Ho conseguito il Diploma di maturità Scientifica presso il Liceo “G.B. Ferrari ” di Este (PD) nel 2002.

CORSI DI SPECIALIZZAZIONE

Nel dicembre 2017 ho conseguito il Certificato ECDL di base.

Nel novembre 2017 ho superato il First Certificate in English, conseguendo il Council of Europe Level B1.

Dal febbraio 2012 a febbraio 2013 ho seguito un corso di lingua francese.

Nel luglio 2010 ho partecipato al corso di inglese avanzato, svoltosi presso Regent’s College, Inner Circle, Regent’s Park di London, ottenendo il diploma di partecipazione.

Dal novembre 2009 al luglio 2010 ho partecipato alla scuola forense dell’Ordine degli Avvocati di Verona, ottenendo l’attestato di partecipazione.

Dichiarazione di intenti

Sono attivista del Movimento 5 Stelle dalla sua fondazione. Ho cominciato attivandomi sia nella città di Verona che in Provincia, nella convinzione che poco alla volta qualcosa nella mentalità della gente e soprattutto in chi ci rappresenta potesse cambiare. Sono ancora convinta di questo. Ognuno di noi può attivarsi e fare qualcosa. Anche se proveniamo tutti da esperienze personali e professionali differenti, siamo uniti nell’intento. Beppe e Gianroberto ci hanno riuniti sotto un sogno, la visione di un mondo diverso, fatto anche di opportunità. L’obiettivo è salvaguardare il Paese.

Dai sogni però ci si sveglia e si dimentica tutto. Il bello del nostro sogno è che quando ti svegli, ti rendi conto di quanto ancora puoi e devi fare. Ci aspettano tempi duri e ancora più impegnativi se saremo al governo, dove continueremo a promuovere la trasparenza e la partecipazione dei cittadini nella vita politica delle istituzioni.

Io mi rimetto a disposizione per essere la tua portavoce in Parlamento. Per me è un nuovo banco di prova, consapevole che c’è molto da fare. Continuerò a lavorare con tutte le persone a cui sta a cuore il futuro di questo paese. Se saremo chiamati a governare l’Italia, bisognerà discutere, partecipare e fare scelte importanti, promuovendo le peculiarità e i pregi, e affrontando con serietà i problemi di ciascun territorio.

Diamoci un’opportunità!

Lascia un commento