Mozziconi di sigarette: raccogliamo e tuteliamo l’ambiente!

mozziconiSecondo i dati del 2012 dell’Istituto superiore di sanità (ISS), ogni giorno in Italia si fumano 140 milioni di sigarette, pari a 51 miliardi di sigarette all’anno.

La maggior parte dei mozziconi sono abbandonati per strada, una minima parte nella spazzatura: con essi nel 2010 sono stati dispersi nell’ambiente 324 tonnellate di nicotina, e molte altre sostanze tossiche e metalli pesanti, come ad esempio 1.872 milioni di becquerel di un elemento radioattivo come il polonio-210 e 1.440 tonnellate di catrame condensato.

Il tempo di latenza in natura, prima che si completi la decomposizione, varia da sei mesi a dodici anni, a seconda delle condizioni ambientali e del tipo di sigaretta. I mozziconi di sigarette con filtro non si disfano nemmeno immergendoli nell’acqua, sulla cui superficie galleggiano e dalla quale sono facilmente trasportati, causando anche guasti alle tubature. Il tabacco residuo dei mozziconi di sigarette senza filtro è costituito da gas e da particolato in sospensione, un miscuglio che contiene più di 4.000 sostanze chimiche, nocive e/o cancerogene.

La mia proposta di legge intende agire per fronteggiare l’inquinamento idrico, la salute umana ed in generale il micro inquinamento diffuso tramite:

– l’inserimento dei mozziconi dei prodotti da fumo tra i rifiuti urbani, da sottoporre a trattamenti speciali;

– l’istituzione della raccolta differenziata e l’installazione di appositi raccoglitori per i mozziconi;

– il monitoraggio su obiettivi e risultati della raccolta differenziata;

– la sensibilizzazione nei confronti dei fumatori per incentivare comportamenti individuali più corretti, con coinvolgimento dei produttori e dei distributori di sigarette;

– la previsione di adeguate sanzioni amministrative pecuniarie, comprese tra un minimo di 100 e un massimo di 500 euro, per chiunque disperde i mozziconi nel suolo o in mare.

Testo della proposta: Atto Camera 1305

Archivi

Ti piace questo articolo?

Condividi su facebook
Condividilo su Facebook
Condividi su twitter
Condividilo su Twitter

Lascia un commento