Occupazione mai così alta dal 1977. Anche a giugno abbiamo ragione noi #DatiIstat

Nuovo doppio record per il mercato del lavoro a giugno: il tasso di occupazione è ulteriormente salito al 59,2%, ai massimi da quando è iniziata la serie Istat, e il tasso di disoccupazione è sceso ai minimi degli ultimi 7 anni, al 9,7%.

I dati continuano a smentire chi accusava il Governo e in particolare Luigi Di Maio di un presunto disastro economico. La verità è opposta: nonostante tutte le difficoltà internazionali, tra hard Brexit e tensioni commerciali che coinvolgono Stati Uniti,  Cina e la stessa Unione Europea, l’Italia regge e garantisce ai suoi cittadini miglioramenti sensibili.

Non va dimenticato che, oltre ai livelli occupazionali, continuano ad aumentare anche i posti di lavoro stabili (+43 mila a giugno). Quantità e qualità di lavoro stanno camminando insieme, a differenza che nel passato.

È venuto il momento di dare i giusti meriti al tanto bistrattato Decreto Dignità e al MoVimento 5 Stelle che lo ha fortemente voluto.

Sappiamo bene che il Pil è in una fase di stagnazione, e chissà cosa sarebbe successo se non avessimo approvato una Manovra che ha dato fiato agli investimenti locali e alla spesa sociale.

Nella prossima Manovra, sulla quale siamo già al lavoro, bisogna andare oltre, riducendo il cuneo fiscale, dando soldi freschi in tasca ai lavoratori e alle famiglie e sostenendo ulteriormente gli investimenti in tutto il Paese, compresi i territori meno sviluppati.

Con il governo del buon senso l’Italia può farcela.

Archivi

Ti piace questo articolo?

Condividi su facebook
Condividilo su Facebook
Condividi su twitter
Condividilo su Twitter

Lascia un commento