INCONTRO CON GLI STUDENTI

comitato per la legislazione

Qualche giorno fa ho avuto il piacere di incontrare un gruppo di studenti dell’Università di Firenze che sono venuti a conoscere il Comitato per la Legislazione di cui faccio parte.

È stato molto interessante il confronto con loro e ci hanno suggerito di sponsorizzare di più la nostra attività, che non è politica ma tecnica, infatti facciamo il controllo qualità delle leggi.

Se la maggioranza seguisse i pareri del comitato per la legislazione, tanti problemi di applicazione delle norme non ci sarebbero e si intaserebbero meno i tribunali.

Referendum sull’euro: consegna delle firme

Consegna firme fuoridalleuro

L’8 giugno il M5S ha depositato in Senato 200.000 firme per dare il via alla legge di iniziativa popolare che porterà al referendum consultivo sull’euro.

Il 9 giugno anche il Presidente del Senato Grasso in persona ha ricevuto le firme dei cittadini. Da quel momento non ci sono più scuse. Da una parte i cittadini e dall’altra i partiti, che hanno davanti a loro due possibilità: ignorare le firme dei cittadini come già successo in passato, o permettere ad essi di esprimersi su un argomento fondamentale della vita economica e sociale del Paese, sul quale non c’è mai stato un vero dibattito.

In ogni caso questa volta sarà diverso: in Parlamento siedono più di 130 portavoce del M5S, pronti a dare battaglia e a vigilare perché tutte le tappe che porteranno al referendum siano rapidamente rispettate.

Subito dopo la consegna delle firme, infatti, ci siamo attivati in Parlamento perché la Legge di iniziativa popolare venga discussa e approvata. Una volta approvata la legge costituzionale per l’istituzione del referendum consultivo, gli italiani potranno andare alle urne ed esprimere la loro volontà sull’uscita dall’euro.

Considerando i tempi di passaggio della legge di iniziativa popolare tra la Camera e il Senato, il referendum si terrà probabilmente in un periodo compreso tra il dicembre 2015 e il gennaio 2016. Molto dipende anche dall’ostruzionismo della maggioranza e del Governo. Il M5S è accusato ogni giorno di non collaborare, in maniera del tutto strumentale. Ora vedremo se davanti ad una richiesta esplicita dei cittadini la maggioranza darà il suo appoggio al M5S o saprà dire solo no.

Nell’euro siamo entrati sull’onda delle menzogne del centro-sinistra e con il nullaosta del centro-destra. Grazie al M5S si potrà finalmente aprire un dibattito e in caso di voto favorevole all’uscita dall’euro la maggioranza dovrà tenerne conto per non essere spazzata via e sostituita da un Governo a 5 stelle.

Il referendum sull’euro è un voto sul futuro dell’Italia. Non va sprecato!

NUOVE STELLE NEL FIRMAMENTO DEL MOVIMENTO 5 STELLE

5 stelle venete regione

Dopo queste elezioni il Movimento 5 stelle si è radicato nel territorio in modo ancora più importante, risultando la seconda forza politica a livello nazionale e l’unica vera alternativa a Renzi.

Grazie agli attivisti, ai consiglieri, ai candidati in tutte le liste e a tutti i simpatizzanti che hanno collaborato a rendere possibile questo risultato.

Grazie a chi ha votato, ed è un grande grazie considerato l’alto dato relativo all’astensionismo, dovuto alla scelta chirurgica del governo di votare il 31 maggio, a ridosso del ponte del 2 giugno.

I miei complimenti vanno ai nuovi portavoce del movimento 5 stelle in tutta Italia!

Un augurio particolare ai 5 neo consiglieri del Movimento 5 stelle eletti in regione Veneto.

È stato un percorso lungo e impegnativo ma il risultato è stato grandioso!

Complimenti a Jacopo Berti​, Marco Dalla Gassa​, Manuel Brusco​, Erika Baldin​ e Simone Scarabel​.

OGGI INIZIO IL MIO PERCORSO DI CAPOGRUPPO M5S!

Businarolo Capogruppo
Sabato sera ho ricevuto una bellissima sorpresa. Dopo la marcia per il reddito di cittadinanza, mio marito mi ha portato in un ristorante dove ad attenderci c’erano Luisa, Andrea, Simone, Giuliano e Federico, consiglieri e attivisti che come me da anni si battono per un Veneto dove l’onestà e la trasparenza spazzino via gli scandali che oggi dobbiamo subire. Avevano organizzato tutto 3 mesi fa, non appena ero stato scelta come vice capogruppo M5S. Volevano festeggiare insieme il fatto che da oggi sarò capogruppo M5S. Quando li ho visti sono rimasta senza parole. Il loro affetto, l’affetto di tutti gli attivisti, è ciò che ci motiva maggiormente a dare il massimo qui in Parlamento.

Ringrazio Fabiana Dadone per questi 3 mesi insieme, in cui abbiamo lavorato duramente, supportandoci a vicenda. Ho imparato molto da lei e sono sicura che questa esperienza ha reso grande merito a lei che è una persona onesta, intelligente, preparata e sopratutto un’amica.

Un grande in bocca al lupo al nostro Sorial Girgis Giorgio che da oggi mi affiancherà per i prossimi 3 mesi.

Sono felice di rappresentare milioni di cittadini e sono davvero felice di essere stata scelta per questo ruolo dai miei stessi colleghi. Saranno settimane intense, avrò bisogno di tutto il vostro sostegno, ma mi sento pronta.

A riveder le stelle!

linee guida di Raffaele Cantone per i DIPENDENTI CHE DENUNCIANO la corruzione

Raffaele Cantone

Sono arrivate le linee guida di Raffaele Cantone – presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione – per proteggere le denunce dei dipendenti pubblici, il c.d whistleblowing.

Come spesso accade, il Parlamento rimane indietro e ancora non abbiamo una legge organica sul whistleblowing. Per questo sto pressando in Ufficio di Presidenza affinchè venga calendarizzata il prima possibile la proposta di legge M5S a mia prima firma!

Qui il link alle linee guida di Cantone:
http://www.ediliziaeterritorio.ilsole24ore.com/…/corruzione…

Qui il link alla proposta di legge M5S:
http://bit.ly/legge_whistleblowing

LETTERA AI PARLAMENTARI VENETI

Businarolo

Cari
Mario Catania, Davide Zoggia, Alessandro Naccarato, Federico Ginato, Diego Zardini, Giulia Narduolo, Gian Pietro Dal Moro, Diego Crivellari, Daniela Sbrollini, Anna Margherita Miotto, Vincenzo D’Arienzo, Filippo Crimi, Alessia Rotta, Alberto Giorgetti, Piero Longo, Lorena Milanato, Catia Polidori, Matteo Bragantini, Filippo Busin, Roberto Caon, Ilaria Capua, Stefano Quintarelli, Alessandro Zan e Vanessa Camani.

Renzi, come fece Mussolini, ha messo la fiducia su una legge elettorale che si è cucito addosso.

Questo significa che il comando del Paese sarà in mano a una sola persona e che i cittadini non potranno scegliere i propri rappresentanti, sarà il segretario del partito a scegliere per loro.

Quando si arriva a giocare sulle regole fondamentali della democrazia, l’interesse è di tutti.

Per questo ti chiedo di non votare questa legge e di fare pressione.
E’ una battaglia per la libertà di tutti. E non ha colore politico.

Francesca Businarolo

Condividete e diffondete

VICARI CHIARISCA IL SUO RUOLO NELL’ENNESIMO SCANDALO DI CORRUZIONE!

simona vicari

Il sottosegretario allo Sviluppo economico, Simona Vicari, deve chiarire il suo ruolo nella vicenda che ha portato all’arresto, fra gli altri, del sindaco di Ischia, Giuseppe Ferrandino. Dagli atti giudiziari, infatti, si evince un suo presunto interessamento a favore della Cpl Concordia, la cooperativa al centro dell’ultimo scandalo di corruzione.

In una email citata nel fascicolo d’indagine, infatti, il responsabile delle relazioni istituzionali della Cpl Concordia, rivolgendosi ai vertici della Coop modenese, citava il nominativo dell’attuale sottosegretario in quota Ncd allo Sviluppo economico e, secondo quanto sintetizzato dal giudice, si sarebbe impegnata con loro e su loro indicazione avrebbe fatto assegnare 140 milioni al completamento delle opere di metanizzazione, di cui beneficerà anche la Cpl.

Abbiamo quindi chiesto chiarimenti con un’interrogazione parlamentare al Ministro dello Sviluppo Economico in merito alla vicenda e al presunto condizionamento della decisione del Governo relativamente all’assegnazione dei 140 milioni di euro destinati alla metanizzazione del Sud Italia.

ATTENZIONE ALLE MENZOGNE E AGLI ALLARMISMI

Scatenati anche nel Veronese i gruppi che contestano l’educazione sessuale nelle scuole. Fermano i genitori fuori dalle scuole, distribuiscono il loro materiale propagandistico anche all’interno degli istituti e organizzano incontri pubblici per diffondere un clima d’allarme. Lo scopo è sempre quello, spargere paura tra le famiglie e convincere che dietro un documento dell’Organizzazione mondiale della Sanità («Standard per l’educazione sessuale in Europa») ci sarebbero addirittura «corsi di masturbazione» in classe.
Leggi tutto “ATTENZIONE ALLE MENZOGNE E AGLI ALLARMISMI”